Hitec

NEWS

P1150448 (Medium).JPG

Gli impianti a pavimento Hitec per una palestra in provincia di Treviso

06/09/2019

Per la palestra di un complesso scolastico in provincia di Treviso è stato adottato un sistema di riscaldamento e raffrescamento a pavimento integrato con un sistema di ventilazione per garantire comfort e qualità dell'aria nel rispetto dei criteri della sostenibilità ambientale ed economica.

Negli edifici adibiti ad attività sportive è sempre più diffuso l'utilizzo degli impianti di riscaldamento a pavimento. L'impianto radiante è un sistema a bassa temperatura che consente di ottenere temperature uniformi e un elevato livello di comfort offrendo la soluzione ideale per questo tipo di edifici che, avendo solitamente altezze elevate, con i sistemi tradizionali accusano una forte dispersione di calore verso l'alto, mentre la diffusione del caldo e del freddo per irraggiamento permette di riscaldare/raffrescare ad altezza d'uomo.

Accanto alle ragioni di tipo economico e di comfort, la scelta dell'impianto radiante a pavimento è stata dettata da ragioni di igiene: essendo il pavimento anche il corpo scaldante, la sua pulizia risulta estremamente facile e veloce, inoltre, l'assenza di moti convettivi dell'aria, che solitamente vengono generati dalla differenza di temperatura tra corpo scaldante e ambiente circostante, comporta la riduzione del movimento di polveri e di impurità dell'aria, con una conseguente maggiore salubrità dei locali.

L'impianto radiante poi è stato preferito agli aerotermi, normalmente ancorati a soffitto, poiché questi provocano leggere correnti d'aria che possono risultare sgradevoli a chi pratica l'attività sportiva e sono rumorosi.
Per il riscaldamento di questa palestra di 1.200 m² è stato scelto un impianto a pavimento di tipo industriale con barra a binario Ø 20 mm per l'area del campo sportivo, mentre nelle due aree laterali adibite a spogliatoi e locali tecnici è stato scelto un sistema di riscaldamento a pavimento con pannello isolante di tipo bugnato, Orange 30.

L'impianto a pavimento è stato dimensionato secondo le indicazioni della norma UNI EN 1264, considerando uno spessore del massetto dai 14 ai 16 cm, una resistenza termica pari a 0,277 m²K/W per il rivestimento con pavimento sportivo in parquet, 0,18 m²K/W per il rivestimento in legno prefinito, 0,01 m²K/W per il rivestimento in ceramica e una richiesta in ambiente di 18/19°C per l'attività sportiva. Tenendo conto dei carichi termici dell'edificio, è stato calcolato un passo di posa pari a 15 cm sulla parte in legno e 10 cm sulla parte spogliatoi con temperatura di mandata di 33°C. Per quanto riguarda il dimensionamento in raffrescamento, per garantire una temperatura ambiente di 25/26°C è stata calcolata una temperatura di mandata di 18°C.